CORSI DI FORMAZIONE DOCENTI SCUOLA: La formazione epigenetica della mente. Folk teorie e prospettive bioeducative

CORSI FORMAZIONE DOCENTI E CORSI AGGIORNAMENTO DOCENTI

LA FORMAZIONE EPIGENETICA DELLA MENTE: FOLK TEORIE E PROSPETTIVE BIOEDUCATIVE

 Flavia Santoianni

Possibili linee interpretative rilevano oggi l’esigenza di costruire un terreno di incontro, nella scienza cognitiva, tra la pedagogia e le neuroscienze, tendenza cui fa riscontro, specularmente, una risposta più attenta del mondo scientifico verso le problematiche della formazione.

L’uso di tecnologie di analisi non invasive nella ricerca sperimentale, infatti, ha contribuito a intensificare nelle neuroscienze una crescente disposizione interpretativa verso lo studio della mente (Maffei, 1998) e il progressivo avvicinamento della pedagogia alle neuroscienze, espresso dalle prospettive bioeducative, è stato reso possibile dalla individuazione di prospettive di ricerca che attraversano, in modo interdisciplinare, la pedagogia e le neuroscienze, prospettive che definiscono, nella scienza cognitiva, la ricerca nelle scienze bioeducative.

Le scienze bioeducative sono coordinate da prospettive di ricerca epigenetiche, che studiano l’evoluzione filogenetica (Cosmides, Tooby, 1994) e l’adattamento ontogenetico nello sviluppo individuale (Magnusson, 1996; Knowles, 1997); da prospettive biodinamiche, in cui le basi biologiche dell’apprendimento e del pensiero costituiscono i determinanti strutturali della conoscenza (Carey, Gelman, 1991) e l’individuo è visto come unità di mente, corpo, organismo (Damasio, 1996); da prospettive sinergiche, nelle quali la costruzione della conoscenza è inculturazione (Bruner, 1996), “radicamento” delle conoscenze e loro distribuzione (Jonassen, Land, 2000), modulazione e definizione dominio-specifica del sapere (Hirschfeld, Gelman, 1994).

Le linee prospettiche delineate, epigenetiche, biodinamiche e sinergiche, sono tagliate trasversalmente nelle scienze bioeducative da nuclei tematici ricorrenti che ineriscono le relazioni epistemiche natura – cultura – educazione e mente – cervello – apprendimento, nuclei tematici “interni” alla scienza cognitiva che influenzano e indirizzano il senso della ricerca pedagogica contemporanea e lo studio della formazione epigenetica della mente.

Non si può negare che la scienza cognitiva abbia influenzato e indirizzato la ricerca pedagogica per quasi cinquant’anni nello studio del funzionamento dei processi apprenditivi e delle architetture dei sistemi cognitivi, così come non si può negare che dietro ogni folk pedagogia, ogni interpretazione implicita della formazione, ci sia una folk psicologia, un modo di pensare, di vedere, di credere, di intendere la mente.

Pedagogy is never innocent, infatti, scrivono Olson e Bruner (1996); la pedagogia non è mai innocente e sottende sempre una definita interpretazione del soggetto che apprende, sia essa frutto di un sapere ingenuo, sia essa frutto di un paradigma interpretativo, scientifico quanto storicamente fondato: la scelta di una modalità formativa piuttosto che un’altra comporta, dunque, inevitabilmente, una peculiare e contingente concezione dell’individuo, dell’apprendimento, della mente. 

Le pratiche formative sono sorrette da insiemi di “credenze” (beliefs, in senso pragmatista) e di “folk teorie” circa il funzionamento della mente del soggetto che apprende. Per “credenze” e “folk teorie” si intendono usualmente i saperi ingenui e del senso comune (è questo il puro significato folk del termine). Possono intendersi anche, però, conoscenze sorrette da presupposti teorici scientifici e sperimentali, storicamente e culturalmente determinati e contingenti.

Ogni forma di pedagogia sottende una diversa interpretazione del soggetto che apprende, sia essa frutto di un sapere ingenuo, sia essa frutto di un paradigma (Khun, 1969) interpretativo, scientifico quanto storicamente fondato: la pedagogia non è mai “innocente” e, infatti, i differenti approcci all’apprendimento e le diverse forme di apprendimento/insegnamento – dall’imitazione, all’istruzione, alla collaborazione – hanno riflettuto, nel tempo, distinte interpretazioni dell’individuo – imitatore e produttore di esperienze, conoscitore e intenditore, pensatore collaborativo. 

Il soggetto che apprende è stato, dunque, di volta in volta considerato un imitatore, cui era necessario mostrare le sequenze operative da svolgere, un conoscitore, da istruire e da informare, un pensatore, un individuo che esercita la propria abilità nel pensare e che va reso esperto in questa abilità attraverso l’esercizio metacognitivo e metaemotivo della riflessione autonoma e consapevole. Si tratta di un pensatore collaborativo, che vede nella dimensione dell’intersoggettività l’ambito primario per la costruzione della conoscenza; si tratta di una  considerazione della mente funzionalmente distribuita in un tessuto di relazioni operative e strumentali che concorrono a definirla.

La scienza cognitiva influenza e indirizza ancora oggi la ricerca pedagogica, attraverso linee interpretative e tagli prospettici nei quali la mente è considerata anche oltre il supporto neurofisiologico che le è proprio – senza mai prescinderne, tuttavia – e dove le elaborazioni culturali dei concetti sono contraddistinte da relazioni significative con i determinanti strutturali della conoscenza, biologicamente definibili, di cui sono espressione. Un esempio potrebbe essere oggi quello del “razionalismo concettuale” di Carey e Gelman, dove l’ipotesi che un insieme di vincoli biologici moduli lo sviluppo cognitivo non entra in contraddizione con la natura adattiva ed esperienziale della formazione epigenetica della mente, così come la considerazione della conoscenza distribuita e situata non entra in contraddizione con la marcata attenzione della prospettiva neuroscientifica alla peculiarità individuale di ogni soggetto.

L’individuo, nella prospettiva neuroscientifica, è valorizzato come realtà biologica unica e irripetibile, eppure interrelata e interrelabile con altre realtà biologiche; allo stesso modo, direzioni di ricerca come il culturalismo, la cognizione distribuita e situata o la specificità di dominio non negano la significatività individuale anche se considerano la dimensione soggettiva modulata dalla sinergia di più dinamiche interagenti, di matrice sociale, culturale e/o relazionale, legate da un ineludibile intreccio alla realtà genetica ed epigenetica. La relazione natura-cultura non è più considerabile una relazione antinomica, ma una relazione sinergica: l’individuo “plasma” la cultura passando attraverso processi di interiorizzazione delle conoscenze che lo possono vedere più o meno partecipe in maniera diretta.

Nell’apprendimento culturale (Kruger, Tomasello, 1996), ferma restando l’influenza che il preesistente assetto delle conoscenze può avere sulle dinamiche dello sviluppo cognitivo, l’individuo si forma nell’interiorizzazione del senso degli atti educativi emergente non soltanto dall’esplicita azione di trasmissione intenzionale (apprendimento diretto), ma anche dal passaggio del soggetto “attraverso” la prospettiva adulta di condivisione intersoggettiva dei contenuti di conoscenza. L’interazione intersoggettiva e la condivisione della dimensione cognitiva, sociale e situata, esprimono l’assorbimento di informazioni (apprendimento indiretto) dal contesto di appartenenza, dalle istituzioni culturali, dalle attività sociali, dall’ambiente fisico; le esperienze di apprendimento culturale, sia dirette che informali, implicite e indirette (Knowles, 1997; Stadler, Frensch, 1998; Santoianni, Striano, 2000), hanno il valore inferenziale di introdurre il soggetto che apprende nel sistema attitudinale e valoriale del gruppo sociale cui appartiene.

Il concetto di apprendimento collaborativo, così come quello di apprendimento culturale (diretto e indiretto), entra in sinergia, e non in contrapposizione, con il concetto di individuo come elaboratore di pattern culturali ed entrambi contribuiscono, in un gioco di continui rimandi, alla differenziazione di specifici individui in specifiche culture e alla creazione e al rinnovamento di contenuti di conoscenza peculiarmente individuati e individualmente progettati.

Gli ambienti di apprendimento, infatti, sia che siano “costruiti” per la produzione delle conoscenze, sia che implichino una relazione formativa intenzionale diretta, si basano su fondamenti psicologici, tecnologici, culturali e pragmatici (Land, Hannafin, 2000) correlati alle modalità di apprendimento individuali; sono “disegnati” – quando vi è questo intento – sempre in funzione del soggetto e delle sue processualità elaborative.

La fondazione culturale delle comunità di apprendimento non comporta, di per sé, una “riduzione” del singolo, ma una sua valorizzazione proprio in quanto fulcro di tali comunità (Bruner, 1996) e, se è vero che l’apprendimento è frutto di una continua costruzione di conoscenze, condivisa, contestualizzata e situata, è anche vero che il disegno costruttivista attesta la centralità del soggetto che apprende nella definizione dei significati (Land, Hannafin, 2000) e l’importanza delle conoscenze pregresse nella strutturazione di essi.

La centralità del soggetto che apprende e il suo ruolo nel decodificare, interpretare e gestire le conoscenze risulta anche dalla natura composita del sistema cognitivo, nel quale l’attività elaborativa delle informazioni è generalmente considerata la risultante di una sinergia di elementi, tra i quali l’architettura del sistema, i processi di controllo e la pluralità dei piani funzionali di esso.

Il sistema cognitivo è, infatti, un sistema elaborativo a funzionalità interrelata la cui complessità è evidente nella struttura multicomponenziale delle unità sinergiche che lo compongono e nella pluralità dei piani differenziati e interdipendenti con cui interagisce e da cui prendono forma i possibili modelli funzionali dell’elaborazione cognitiva.

Il sistema cognitivo individuale è inserito in un processo ontogenetico di graduale modellizzazione delle connessioni neurali che concorrono alla organizzazione (e alla continua riorganizzazione) delle reti sinaptiche cerebrali: la costituzione genetica e i cambiamenti microstrutturali epigenetici costituiscono le basi biologiche sulle quali si innesta, modulandone l’espressione, la specifica esperienza che ogni individuo struttura nella formazione adattiva della mente.

Il concetto di formazione nelle scienze bioeducative può, dunque, assumere una valenza dinamica che si esprime nell’analisi dei possibili vincoli e criteri di educabilità che regolano la multifattorialità del sistema cognitivo proprio in funzione delle differenze individuali nello sviluppo epigenetico.

Nell’individuare i vincoli e i criteri biodinamici regolativi della modificabilità epigenetica, la ricerca bioeducativa segue oggi la direzione del riconoscimento della specificità dei domini e dei contesti culturali, delle differenze individuali nelle processualità elaborative e delle specializzazioni funzionali delle proprietà cognitive; gli orientamenti processuali di un sistema cognitivo tendono, infatti, alla differenziazione e alla specializzazione proprio in relazione all’attività esperienziale e l’approccio biodinamico alla formazione considera basilare la tendenza alla specializzazione differenziata del sistema cognitivo individuale.

E allora, se ricostruire i rapporti tra una folk psicologia e una folk pedagogia può essere utile per organizzare e riorganizzare le modalità di apprendimento/insegnamento, quali significati e quali effetti può avere, nelle pratiche formative, una pedagogia che studi le scienze bioeducative “all’interno” della scienza cognitiva? 

Nelle scienze bioeducative il focus della ricerca pedagogica sulla modificabilità epigenetica si sposta, nell’analisi dei criteri di educabilità, dalla definizione dei processi al loro svolgersi soggettivo: nelle problematiche pedagogiche non è più in primo piano l’educazione, ma l’educabilità, il “processo” della formazione nell’epigenesi.

Ciò che è cambiato, nelle attuali pedagogie centrate sull’apprendimento del soggetto, rispetto a quelle precedenti, centrate sul bambino, è il punto di osservazione prospettica, soggettivo sull’apprendimento e sociale sulla formazione delle teorie e del pensiero. Il nodo del discorso non è più ciò che un adulto può fare per promuovere l’apprendimento, ma cosa un individuo in crescita percepisce come il proprio “imparare” e quali possono essere i possibili approcci formativi in grado di interagire con queste metariflessioni soggettive. A questo si aggiunge una considerazione del processo formativo come condivisibile da comunità di individui attraverso discorsi collaborativi, processo dal quale emerge una interpretazione della conoscenza come prodotto dell’elaborazione di modelli intersoggettivi della comprensione.

Ai fini dell’educabilità, tuttavia, non è tanto importante se l’apprendimento sia collaborativo o individuale (tali fattori possono coesistere); se la fruizione della conoscenza sia implicita/automatica o intenzionale/diretta (anche tali fattori possono coesistere); ciò che è cambiato è il modo di intendere la relazione formativa, non più centrata sul bambino come fulcro del firmamento educativo (Gardner, Torff, Hatch, 1996), non più univoca, nella trasmissione e nella gestione delle conoscenze, come nella esplorazione esperienziale di esse (Dewey, 1916, 1957) ma, invece, specializzata e differenziata, nelle categorie della molteplicità (funzionale, prospettica, interpretativa), della reciprocità (la formazione è bidirezionale, interrelata, interdipendente) e della modificabilità (la costruzione della conoscenza avviene attraverso processi, di negoziazione, di ridefinizione, di trasformazione).

La formazione epigenetica, in prospettiva bioeducativa, è un processo che si attua sia in relazione alla modulazione ambientale, sia in relazione alla “disponibilità” individuale: il sistema cognitivo, infatti, è un complesso sistema elaborativo a funzionalità interrelata, dinamico, in continuo sviluppo e in interazione con l’ambiente. Il sistema cognitivo, nelle scienze bioeducative, può essere considerato eterogeneo, a matrice genetica ed epigenetica; eterocronico, in sviluppo continuo e discontinuo; adattivo, a funzionalità esplicita e implicita; interattivo, in senso singolare e plurale; evolutivo, a livello filogenetico e ontogenetico.

L’educabilità, il processo della formazione nell’epigenesi, è anch’essa un processo eterogeneo, eterocronico, adattivo, interattivo, ed evolutivo; processo nel quale ogni protocollo formativo dovrebbe essere individualizzato, specifico e differenziato e, pur considerando il passato di  ognuno, ne dovrebbe condizionare il presente e il futuro, nella consapevolezza che ogni individuo non è mai né all’inizio né alla fine di un processo formativo, ma è sempre, ai fini dell’educabilità, in corso di formazione.

Riferimenti bibliografici
Bloom F. E., Lazerson A. (1985), Brain, Mind and Behaviour, W. H.  Freeman and Company, New York. 
Boncinelli E. (1998), I nostri geni, Einaudi, Torino.
Boncinelli E. (1999), Il cervello, la mente e l’anima, Mondadori, Milano.
Breuer J. T. (1999), The Mith of the First Three Years, Free Press, New York. 
Bruner J. (1996), La cultura dell’educazione, Feltrinelli, Milano.
Calvin W. H. (1996a), How brains think, Basic Books, New York. 
Calvin W. H.(1996b), The Cerebral Code.  Thinking a Thought in the Mosaics of the Mind, The MIT Press, Cambridge, Massachussets.
Calvin W. H., Ojemann G. A. (1994), Conversations with Neil’s Brain, Perseus Book, Reading, Massachussets.
Carey S., Gelman R.(1991), The Epigenesis of Mind, L. E. A., Hillsdale, New Jersey.
Changeux J. P. (1983), L’uomo neuronale, Feltrinelli, Milano. 
Churchland P.S. (1995), Can Neurobiology Teach us Anything about Consciousness?, Presidential Address to the American Philosophical Association, Pacific Division, in “Proceedings and Addresses of the APA”.
Cosmides L., Tooby J. (1994), Origins of domain specificity: The evolution of functional organization, in Hirschfeld L. A., Gelman S. A., Mapping the Mind, Cambridge University Press, New York. 
Crick F., Koch C. (1992), The Problem of Consciousness, in Scientific American, 267.
Damasio A. R. (1995), L’errore di Cartesio, Adelphi, Milano.
De La Garanderie A. (1991), I profili pedagogici, La Nuova Italia, Firenze.
Dellantonio A. (1991), Basi biologiche e nervose dei disturbi dell’apprendimento, in Cornoldi C. (a cura di), Disturbi dell’apprendimento. Aspetti psicologici e neuropsicologici, Il Mulino, Bologna.
Denes F., Umiltà C. (a cura di) (1978), I due cervelli. Neuropsicologia dei processi cognitivi, Il Mulino, Bologna.
Dennett D. C. (1997), La mente e le menti, Sansoni, Milano. 
Dewey J. (1916), Democrazia e educazione, Firenze, La Nuova Italia.
Dewey J. (1957), Esperienza e natura, Paravia, Torino.
Edelman G.M., Tononi G. (2000), Un universo di coscienza, Einaudi, Torino.
Fodor J. A. (1988), La mente modulare, Il Mulino, Bologna.
Frauenfelder E. (1999), L’orientamento come percorso formativo, negli Atti del Convegno SIPED Le scienze pedagogiche nell’Università: autonomia, orientamento, innovazione, 29-30 Ottobre.
Frauenfelder E. (2000), Pedagogia e biologia.  Una nuova alleanza, Liguori, Napoli.
Frauenfelder E., Santoianni F. (1997), Nuove frontiere della ricerca pedagogica tra bioscienze e cibernetica, E. S. I. , Napoli. 
Frauenfelder E., Santoianni F. (2002), Percorsi dell’apprendimento. Percorsi per l’insegnamento, Armando, Roma.
Frauenfelder E., Santoianni F. (2002) a cura di, Le scienze bioeducative. Prospettive di ricerca, Liguori, Napoli. 
Gardner H. (1987), Formae mentis. Saggio sulla pluralità dell’intelligenza, Feltrinelli.
Gardner H.(1988), La nuova scienza della mente, Feltrinelli, Milano.
Gardner H.(1991), The Unschooled Mind, BasicBooks, New York.
Gardner H.(1993), Educare al comprendere, Feltrinelli, Milano.
Gardner H.(1995), L’educazione delle intelligenze multiple, Anabasi, Milano.
Gardner H.(1999), Sapere per comprendere, Feltrinelli, Milano.
Gardner H., Torff B., Hatch T. (1996), The Age of Innocence Reconsidered: Preserving the Best of the Progressive Traditions in Psyshology and Education, in Olson D.R., Torrance N. (a cura di), The Handbook of Education and Human Development, Blackwell Publishers, Oxford.
Hirschfeld L. A., Gelman S. A. (1994), Mapping the Mind, Cambridge University Press, New York. 
Jackendoff R. (1990), Coscienza e mente computazionale, Il Mulino, Bologna.
James W. (1975), Pragmatism and the Meaning of Truth, Harvard University Press.
Kandel E. R., Hawkins R. D. (1992), Apprendimento e individualità: le basi biologiche, in Le Scienze, 291, novembre. 
Khun T. (1969), La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Einaudi, Torino.
Knowles M. (1997), Quando l’adulto impara.  Pedagogia e andragogia, FrancoAngeli, Milano.
Kruger A.C., Tomasello M. (1996), Cultural Learning and Learning Culture, in Olson D.R., Torrance N. (a cura di), The Handbook of Education and Human Development, Blackwell Publishers, Oxford.
Land S.M., Hannafin M.J. (2000), Student-Centered Learning Environments, in Jonassen D.H., Land S.M., Theoretical Foundations of Learning Environments, LEA, Mahwah, New Jersey.
Le Doux J. (1998), Il cervello emotivo, Baldini & Castoldi, Milano. 
Lewontin R.C. (1998), Gene, organismo e ambiente, Laterza, Roma-Bari.
Lieury A. (1996), La memoria. Alla base dell’apprendimento, Il Saggiatore, Milano.
Maffei L. (1998), Il mondo del cervello, Edizioni Laterza, Roma-Bari.
Magnusson D. (1996), The Lifespan Development of Individuals.  Behavioral, Neurobiological, and Psychosocial Perspectives, Cambridge University Press, New York. 
Mazzoni G., Nelson T. O. (1998), Metacognition and Cognitive Neuropsychology.  Monitoring and Control Processes, L.E.A., Mahwah, New Jersey. 
Moscovitch M., Umiltà C. (1990), Modularity and neuropsychology: Modules and central processes in attention and memory, in Schwartz M.F. (a cura di), Modularity deficits in Alzheimer-type dementia, MIT Press, Cambridge Mass.
Olson D.R., Bruner J.S. (1996), Folk Psychology and Folk Pedagogy, in Olson D.R., Torrance N. (a cura di), The Handbook of Education and Human Development, Blackwell Publishers, Oxford.
Olson D.R., Torrance N. (a cura di) (1996), The Handbook of Education and Human Development, Blackwell Publishers, Oxford.
Parisi D. (1989a), Intervista sulle reti neurali, Il Mulino, Bologna.
Parisi D. (1989b), La mente come cervello, in “Sistemi Intelligenti” 2, 213-242.
Parisi D. (1990), Connessionismo: origine e sviluppo al centro dello studio dell’intelligenza, in “Sistemi Intelligenti”, 3, 365-426.
Parisi D. (1991), Connessionismo oggi, in Rumelhart D.E.; Mcclelland J.L., P.D.P. Microstruttura dei processi cognitivi, Il Mulino, Bologna.
Parisi D. (1997), Scienza Cognitiva oggi, in “Giornale Italiano di Psicologia”, a. XXIV, 3, 475-491.
Reder L. M. (a cura di) (1996), Implicit Learning and Metacognition, Lawrence Erlbaum Associates, Mahwah, New Jersey.
Resnick L.B. (1994), Situated rationalism: Biological and social preparation for learning, in Hirschfeld L.A, Gelman S.A., Mapping the Mind. Domain specificity in cognition and culture, Cambridge University Press, Cambridge, New York.
Rorty R. (1986), Conseguenze del pragmatismo, Feltrinelli, Milano.
Rose S. (1994), La fabbrica della memoria. Dalle molecole alla mente, Garzanti, Milano.
Rumelhart D.E., McClelland J.L. (1991), P.D.P. Microstruttura dei processi cognitivi, Il Mulino, Bologna.
Salovey P., Sluyter D.J. (a cura di) (1997), Emotional development and emotional intelligence.  Educational implications, Basic Books, New York.
Santoianni F. (a cura di) (1996a), Richard Rorty. Scritti sull’educazione, La Nuova Italia, Firenze.
Santoianni F. (1996b), Didattica Configurazionale, E. S. I., Napoli.
Santoianni F. (1998), Sistemi biodinamici e scelte formative, Liguori, Napoli.  
Santoianni F., Striano M. (2000), Immagini e teorie della mente, Carocci, Roma.
Santoianni F., Sabatano C. (2002), Architetture cognitive. Apprendimenti e memorie, Pensa Multimedia, Lecce.
Santoianni F., Striano M. (2003), Modelli teorici e metodologici dell’apprendimento, Laterza, Roma, Bari.
Siegler R. S., Adolph K. E, Lemaire P. (1996), Strategy Choices Across the Life Span, in Reder L. M. (a cura di), Implicit Learning and Metacognition, Lawrence Erlbaum Associates, Mahwah, New Jersey.
 Sloman S. (1999), Cognitive Architecture, in Wilson R.A., Keil F., The MIT Encyclopedia of the Cognitive Sciences, Bradford Books, MIT Press, Cambridge Massachussets.
Stadler M. A, Frensch P. A. (a cura di) (1998), Handbook of Implicit Learning, Sage Publications, Londra. 
Sternberg R.J. (1997), Le tre intelligenze, Erickson, Trento.
Sternberg R.J. (1998), Stili di pensiero, Erickson, Trento.
Sternberg R.J., Grigorenko E. (a cura di) (1997), Intelligence, Heredity, and Environment, Cambridge University Press, New York.
Striano M. (1999), I tempi e i “luoghi” dell’apprendere, Liguori, Napoli.
Toates F. (1986), Biological Foundation of Behaviour, Milton Keynes, Open University.
Wilson R. A., Keil F. (1999), The MIT Encyclopedia of the Cognitive Sciences, Bradford Book. 
Aggiornamento e formazione del docente di ruolo delle istituzioni scolastiche
CORSI FORMAZIONE DOCENTI E CORSI AGGIORNAMENTO DOCENTI
Corsi formazione docenti e Corsi aggiornamento docenti per la formazione docenti scuola su https://corsidiformazionedocentiscuola.wordpress.com/
Il sito pedagogia didattica contiene schede didattiche e materiali didattici per la formazione docenti scuola, per l’abilitazione insegnamento, per il TFA, per la preparazione concorso docenti. Concorso docenti come prepararsi? I corsi formazione docenti e i corsi di formazione docenti spiegano come insegnare, come diventare insegnante di sostegno, la formazione per i DSA, come usare le metodologie didattiche, le metodologie didattiche innovative, le strategie didattiche, le strategie didattiche inclusive. La formazione docenti, anche come formazione online, può essere utile per insegnare. i docenti per corsi formazione svolgono corsi di formazione on line e corsi di aggiornamento per docenti. Il sito pedagogia didattica offre agli studenti la possibilità di imparare a imparare, di imparare a studiare, quindi insegna come studiare e come studiare bene. Come imparare ad imparare? Come studiare velocemente, come può uno studente avere voglia di studiare? Il sito pedagogia didattica è anche un portale dello studente; un portale studente dove si impara a studiare, un portale studenti dove si apprendono tecniche di studio e si può trovare il proprio metodo di studio per acquisire competenze.
ABILITAZIONE INSEGNAMENTOCOME IMPARARE AD IMPARARE, COME INSEGNARE, COME STUDIARE BENE, COME STUDIARE, concorso docenti come prepararsi, CONCORSO DOCENTI, CONCORSO DOCENTI, CONCORSO PER INSEGNARE, CONCORSO SCUOLA, CONCORSO SCUOLA, CORSI AGGIORNAMENTO DOCENTI, CORSI AGGIORNAMENTO INSEGNANTI, CORSI AGGIORNAMENTO, CORSI DI AGGIORNAMENTO DOCENTI, CORSI DI AGGIORNAMENTO INSEGNANTI, CORSI DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI, CORSI DI AGGIORNAMENTO, CORSI DI FORMAZIONE DOCENTI, CORSI DI FORMAZIONE NAPOLI, CORSI DI FORMAZIONE ON LINE, CORSI DI FORMAZIONE ONLINE, CORSI FORMAZIONE DOCENTI, CORSI FORMAZIONE INSEGNANTI, CORSI FORMAZIONE ONLINE, CORSI FORMAZIONE PER DOCENTI, CORSI FORMAZIONE, CORSI ON LINE, CORSI ONLINE, CORSO AGGIORNAMENTO, CORSO DI AGGIORNAMENTO, CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI, CORSO FORMAZIONE DOCENTI, CORSO FORMAZIONE ONLINE, DIDATTICA ONLINE, DIDATTICA SCUOLA, DIDATTICA WEB, DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, DOCENTI PER CORSI DI FORMAZIONE, DOCENTI PER CORSI FORMAZIONE, DSA, EDUCABILITA’, FACEBOOK FORMAZIONE, FORMAZIONE DOCENTI NEOASSUNTI, FORMAZIONE DOCENTI SCUOLA, FORMAZIONE DOCENTI, FORMAZIONE FORMATORI, FORMAZIONE INSEGNANTE, FORMAZIONE INSEGNANTI, FORMAZIONE ON LINE, FORMAZIONE ONLINE, FORMAZIONE SCUOLA, FORMAZIONE, IMPARARE A IMPARARE, IMPARARE A STUDIARE, INSEGNAMENTO SCUOLA, INSEGNAMENTO, INSEGNANTE DI SOSTEGNO, INSEGNANTI DI SOSTEGNO, INSEGNARE, METODI DI STUDIOMETODO DI STUDIO EFFICACEMETODO DI STUDIO, METODOLOGIA DIDATTICA, METODOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE, METODOLOGIE DIDATTICHE, MODELLI DIDATTICI, PEDAGOGIA DIDATTICA, PEDAGOGIA GENERALEPEDAGOGIA ON LINEPEDAGOGIA ONLINE, PEDAGOGIA SPECIALE, PORTALE DELLO STUDENTE, PORTALE STUDENTE, PORTALE STUDENTI, PREPARAZIONE CONCORSO DOCENTI, PREPARAZIONE DOCENTI, PROGRAMMAZIONE DIDATTICA, SCHEDE DIDATTICHE, SCHEDE PER BAMBINISCUOLA E DIDATTICA, STORIA DELLA PEDAGOGIA, STRATEGIE DIDATTICHE INCLUSIVE, STRATEGIE DIDATTICHE, STUDENTE, STUDENTI, STUDIARE VELOCEMENTE, STUDIARE, TECNICHE DI STUDIO, TFA INSEGNAMENTO, TFA, UNITÀ DI APPRENDIMENTO, UNITÀ DIDATTICA, UNITÀ DIDATTICHE, VOGLIA DI STUDIARE.